Nessun risultato ottenuto
Nessun risultato ottenuto
Nessun risultato ottenuto
Nessun risultato ottenuto
Nessun risultato ottenuto

Riunione di venerdì 5 giugno 2020
05/06/2020

Nell’allegato proposto sono riportati gli argomenti rilevanti individuati sui quotidiani specializzati.

Chiara Gambirasio

Riunione di giovedì 4 giugno 2020
04/06/2020

Nell’allegato proposto sono riportati gli argomenti rilevanti individuati sui quotidiani specializzati.

Chiara Gambirasio

Riunione di mercoledì 3 giugno 2020
03/06/2020

Nell’allegato proposto sono riportati gli argomenti rilevanti individuati sui quotidiani specializzati.

Chiara Gambirasio

Scambio telematico di documenti ufficiali
02/06/2020

Novella normativa o semplice applicazione di quanto già da tempo in vigore?

Con l’emergenza epidemiologica da Covid-19, tutte le professioni hanno dovuto, giocoforza, avvicinarsi alla digitalizzazione di pressochè ogni attività. I Dottori Commercialisti, pur avendo già da tempo “digitalizzato” diversi adempimenti ed attività, hanno affrontato per la prima volta l’impossibilità di incontrare sia i propri assistiti sia i funzionari della Pubblica Amministrazione. Come si sono dovuti adattare per quanto riguarda la sottoscrizione e lo scambio dei documenti ufficiali?

Nel Decreto Legge del 8 aprile 2020, n. 23, meglio conosciuto come “decreto Liquidità”, all’art. 4 viene trattato il tema della sottoscrizione di contratti e comunicazioni in modo semplificato per Istituti di credito e la predisposizione della documentazione antiriciclaggio. L’articolo in argomento dispone che “anche se il cliente esprime il proprio consenso mediante il proprio indirizzo di posta elettronica non certificata o con altro strumento idoneo, a condizione che questi siano accompagnati da copia di un documento di riconoscimento in corso di validità del contraente, facciano riferimento ad un contratto identificabile in modo certo e siano conservati insieme al medesimo con modalità tali da garantire la sicurezza, l’integrità e l’immodificabilità”, predisponendo così una modalità alternativa alla sottoscrizione in firma autografa del contratto. Tale modalità di sottoscrizione di accordi era stata accolta, pochi giorni prima della pubblicazione Decreto Liquidità, anche dall’Agenzia delle Entrate, con trasposizione delle modalità sopra descritte nella circolare n. 6/E del 2020 per quanto concerne la sottoscrizione degli accordi di accertamento con adesione, garantendo al Contribuente di essere al riparo da contestazioni di carattere formale.

Le disposizioni previste dal citato articolo 4 del Dlgs. 23/2020 rappresentano, di fatto, l’estensione positiva all’ambito dello scambio di documenti con gli Istituti di credito, di quanto previsto dall’art. 65 del D. Lgs. 82/2005, rubricato “Istanze e dichiarazioni presentate alle pubbliche amministrazioni per via telematica” e dell’art. 38 del DPR 445/2000, rubricato “modalità di invio e sottoscrizione delle istanze”. Tali norme erano state peraltro già recepite dall’Agenzia delle Entrate: nella circolare n. 9/2016, in relazione alle modalità di sottoscrizione delle istanze di interpello è previsto infatti che “ai sensi del punto 1.1. lettera d) del Provvedimento, l’istanza va “sottoscritta con firma autografa, ovvero, nei casi in cui il documento è trasmesso via posta elettronica certificata o, ove consentito, posta elettronica libera, con firma digitale o con le modalità di cui all’articolo 38, comma 3, del Decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445”. 

Si tratta di un’importante possibilità concessa al Contribuente, che ha consentito di perfezionare, per esempio, molti accordi di accertamento con adesione che, si ricorda, non risultavano investiti dalla sospensione dei termini prevista con i Decreti “Cura Italia” e “Liquidità”

Si può ritenere quindi che la situazione emergenziale verificatasi in questi mesi abbia contribuito all’effettiva applicazione di quanto era già previsto nel nostro ordinamento ma che, per questioni di abitudini ed usi consolidati, risultava disapplicata o comunque poco noto.

Fulvio Balestra

Sospensione dell’esecuzione dei provvedimenti di rilascio degli immobili
02/06/2020

Applicabilità alle procedure concorsuali

Il DL n. 18 del 17 marzo 2020 (c.d. DL Cura Italia) convertito con modificazioni in L. n. 27 del 29 aprile 2020, ha introdotto l’art. 103, comma 6, in base al quale “sono sospesi i provvedimenti di rilascio degli immobili sino al 1 settembre 2020”. Si tratta di una disposizione obiettivamente equivoca in quanto non risulta chiaro se la medesima sia applicabile, per analogia, alla liberazione degli immobili da porre in essere in ambito di procedure concorsuali. Da un lato, infatti, le schede di lettura della Legge, pubblicate sul sito del Senato, fanno esclusivo riferimento alle “esecuzioni immobiliari”. Per altro verso, una certa parte della giurisprudenza di merito ritiene che la disciplina relativa alle esecuzioni immobiliari contenuta al codice di procedura civile sia applicabile alle procedure concorsuali in caso non si sovrapponga con la legge fallimentare. Ciò in quanto le vendite effettuate, per esempio, in ambito fallimentare, rappresentano comunque delle vendite coattive, attuate contro la volontà del fallito. Pertanto, anche l’art. 103 potrebbe ritenersi applicabile alle vendite fallimentari. In tal caso, un Curatore Fallimentare che abbia in corso la vendita di un bene immobile precedentemente aggiudicato all’asta, potrebbe trovarsi nella condizione di non poter garantire all’acquirente la consegna dell’immobile libero prima del 1 settembre 2020.
Anche in caso di non applicabilità della norma in argomento alle procedure concorsuali, l’equivocità della norma potrebbe essere strumentalizzata per rallentare le operazioni di rilascio dell’immobile.
Nel contesto di incertezza descritto, si tratterà di verificare la prassi adottata dai Tribunali di merito.

Fulvio Balestra

InvestorVisa: le modifiche del Decreto Rilancio
01/06/2020

L’Italia abbassa le soglie per il rilascio del visto

Nel contesto imprevedibile dettato dall’emergenza epidemiologica che ha colpito il mondo intero, l’Italia ha, nell’arco di 3 mesi, pubblicato 3 decreti ricchi di nuove norme, rivisitazioni di norme già esistenti e/o proroga di norme in scadenza.

In questo contesto, con il recente Decreto Rilancio del 20 maggio 2020, n. 34, il legislatore italiano ha voluto, tra le altre cose, creare un nuovo sostegno alle imprese Italiane attraverso la ricerca di capitale estero. Per fare ciò, all’articolo 38 intitolato “rafforzamento patrimoniale delle start-up innovative”, al comma 10 è stato introdotto il seguente dettato: all’articolo 26-bis, comma 1, lettera b), del decreto legislativo 25 luglio 1998, n. 286, le parole “di almeno euro 1.000.000 in strumenti rappresentativi del capitale di una società costituita e operante in Italia mantenuto per almeno 2 anni ovvero di almeno euro 500.000”, sono sostituite dalle seguenti: “di almeno euro 500.000 in strumenti rappresentativi del capitale di una società costituita e operante in Italia mantenuto per almeno 2 anni ovvero di almeno euro 250.000”.

Per capirci di più è necessario esaminare il disposto normativo dell’articolo 26-bis, del decreto legislativo 25 luglio 1998, n. 286 (testo unico delle disposizioni concernenti la disciplina dell’immigrazione e norme sulla condizione dello straniero). L’articolo in commento tratta il tema dell’ingresso e soggiorno in Italia di investitori esteri. Nello specifico è previsto, al comma 1, che: L’ingresso e il soggiorno per periodi superiori a tre mesi sono consentiti, al di fuori delle quote di cui all’articolo 3, comma 4, agli stranieri che intendono effettuare:

  • a) un investimento di almeno euro 2.000.000 in titoli emessi dal Governo italiano e che vengano mantenuti per almeno due anni;
  • b) un investimento di almeno euro 500.000 in strumenti rappresentativi del capitale di una societa’ costituita e operante in Italia mantenuto per almeno due anni ovvero di almeno euro 250.000 nel caso tale societa’ sia una start-up innovativa iscritta nella sezione speciale del registro delle imprese di cui all’articolo 25, comma 8, del decreto-legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni, dalla legge 17 dicembre 2012, n. 221;
  • c) una donazione a carattere filantropico di almeno euro 1.000.000 a sostegno di un progetto di pubblico interesse, nei settori della cultura, istruzione, gestione dell’immigrazione, ricerca scientifica, recupero di beni culturali e paesaggistici e che:
  • 1) dimostrano di essere titolari e beneficiari effettivi di un importo almeno pari a euro 2.000.000, nel caso di cui alla lettera a), o euro 1.000.000, nei casi di cui alla lettera b) e alla presente lettera, importo che deve essere in ciascun caso disponibile e trasferibile in Italia;
  • 2) presentano una dichiarazione scritta in cui si impegnano a utilizzare i fondi di cui al numero 1) per effettuare un investimento o una donazione filantropica che rispettino i criteri di cui alle lettere a) e b) e alla presente lettera, entro tre mesi dalla data di ingresso in Italia;
  • 3) dimostrano di avere risorse sufficienti, in aggiunta rispetto ai fondi di cui al numero 1) e in misura almeno superiore al livello minimo previsto dalla legge per l’esenzione dalla partecipazione alla spesa sanitaria, per il proprio mantenimento durante il soggiorno in Italia.

La disposizione dell’articolo 38, comma 10, del decreto legislativo n.34/2020, va pertanto a modificare alcuni dei requisiti per richiedere il rilascio del visto “per investitori” utilizzato da stranieri con ingenti disponibilità finanziare a fare ingresso nel nostro Paese al fine di prendervi la residenza.

Si precisa per chiarezza che è previsto il rilascio del permesso di soggiorno biennale al titolare del visto per investitori, recante la dicitura “per investitori”, revocabile anche prima della scadenza quando viene accertato che lo straniero non ha effettuato l’investimento o la donazione di cui al comma 1 entro tre mesi dalla data di ingresso in Italia o ha dismesso l’investimento prima della scadenza del termine di due anni. Il permesso di soggiorno per investitori e’ rinnovabile per periodi ulteriori di tre anni, previa valutazione positiva, da parte dell’autorita’ amministrativa da cui risulti ancora investita la somma inizialmente versata a fronte di strumenti finanziari di cui al comma 1.

Edoardo Mazzucotelli

Riunione di lunedì 1 giugno 2020
01/06/2020

Nell’allegato proposto sono riportati gli argomenti rilevanti individuati sui quotidiani specializzati.

Chiara Gambirasio

Riunione di venerdì 29 maggio 2020
29/05/2020

Nell’allegato proposto sono riportati gli argomenti rilevanti individuati sui quotidiani specializzati.

Chiara Gambirasio

Riunione di giovedì 28 maggio 2020
28/05/2020

Nell’allegato proposto sono riportati gli argomenti rilevanti individuati sui quotidiani specializzati.

Chiara Gambirasio

Riunione di mercoledì 27 maggio 2020
27/05/2020

Nell’allegato proposto sono riportati gli argomenti rilevanti individuati sui quotidiani specializzati.

Chiara Gambirasio

Riunione di martedì 26 maggio 2020
27/05/2020

Nell’allegato proposto sono riportati gli argomenti rilevanti individuati sui quotidiani specializzati.

Chiara Gambirasio

Riunione di lunedì 25 maggio 2020
25/05/2020

Nell’allegato proposto sono riportati gli argomenti rilevanti individuati sui quotidiani specializzati.

Chiara Gambirasio

Normativa COVID-19
21/05/2020

La fotografia dei provvedimenti normativi

Considerando il momento di estrema proliferazione normativa, lo Studio Mazzucotelli propone un prospetto riepilogativo delle disposizioni introdotte in tema di misure di prevenzione e contenimento dell’emergenza epidemiologica da COVID-19 ed i relativi interventi a sostegno di cittadini ed imprese.

Fulvio Balestra

Prova delle cessioni intra comunitarie
19/05/2020

Le indicazioni dell’Agenzia delle Entrate nella circolare n. 12/2020

L’Agenzia delle Entrate, con la circolare n. 12 del 12 maggio 2020, fornisce chiarimenti in merito alla prova delle cessioni intra comunitarie. In particolare, nelle conclusioni l’Agenzia ritiene che: allo stato, in tutti i casi in cui non si renda applicabile la presunzione di cui all’articolo 45-bis del Regolamento UE (presunzione che i beni siano stati spediti o trasportati da uno Stato comunitario all’altro se ricorrono specifiche condizioni di cui gli operatori devono fornire prova nei modi e nei termini previsti dalle nuove disposizioni)possa continuare a trovare applicazione la prassi nazionale, anche adottata prima dell’entrata in vigore del medesimo articolo, in tema di prova del trasporto intracomunitario dei beni. Resta inteso, ad ogni modo, che detta prassi nazionale individua documenti, la cui idoneità a provare l’avvenuto trasporto comunitario è comunque soggetta alla valutazione, caso per caso, dell’amministrazione finanziaria (Note esplicative paragrafo 5.3.3).

Si allegano anche le note esplicative riguardanti le modifiche del sistema dell’IVA nell’UE relative al regime di call-off stock, alle operazioni a catena e all’esenzione delle cessioni intracomunitarie di beni (“soluzioni rapide 2020”)

Marzia Pezzoli

Termine di 12 giorni per l’emissione della fattura
18/05/2020

I chiarimenti forniti dall’Agenzia delle Entrate con l’interpello 129/2020

Con la risposta all’interpello n. 129/2020, l’Agenzia delle Entrate ha chiarito che l’emissione della fattura immediata debba avvenire obbligatoriamente entro dodici giorni dall’effettuazione dell’operazione determinata ai sensi dell’articolo 6 del D.P.R. 633/72, indipendentemente dal fatto che il dodicesimo giorno cada di sabato o in un giorno festivo.

Marzia Pezzoli

Versamento contributi e appalti: quando la pratica non collima con la legge
15/05/2020

Il riscadenziamento dei versamenti

Secondo le bozze del Dl “Rilancio” in corso di approvazione definitiva che, pian piano, trapelano dai quotidiani specializzati, il governo disporrà, per alcune categorie di contribuenti, la possibilità di un secondo riscadenziamento del versamento di imposte e contributi. Se da un lato, almeno in linea teorica, l’intervento può risultare utile per sopperire alla carenza di liquidità indotta dall’emergenza Covid, dall’altro lato risulta talvolta di difficile applicazione a causa della peculiarità di alcuni settori merceologici. È il caso dei contratti d’appalto. In base alla circolare dell’Agenzia delle Entrate n. 8/2020, per le categorie di contribuenti per i quali risultano sospesi gli obblighi di versamento, devono intendersi altresì sospesi i controlli previsti a carico del committente in materia di ritenute e compensazioni in appalti e subappalti dall’articolo 17-bis del decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241, introdotto dall’articolo 4 del decreto-legge 26 ottobre 2019, n. 124.  Ciò in quanto i predetti controlli da parte del committente sono strettamente connessi ai versamenti delle ritenute da parte dell’appaltatore, sospesi in virtù di quanto sopra rappresentato.

Nella pratica operativa si riscontra che, pur in presenza di un’espressa sospensione normativa tanto del versamento delle imposte e dei contributi, quanto degli obblighi di verifica a carico del committente, quest’ultimo non provveda al pagamento delle commesse se non dietro prova da parte dell’appaltatore dell’avvenuto versamento di contributi e imposte. Ciò in ragione della responsabilità solidale tra committente e appaltatore per i versamenti di cui sopra. Le imprese appaltatrici si trovano così di fatto costrette a valutare la necessità di versare imposte e contributi per non rischiare di subire i danni causati dal mancato incasso delle prestazioni da parte dei committenti. Questo meccanismo che spinge le imprese appaltatrici al versamento di imposte e contributi non consente di beneficiare della proroga alla validità dei DURC in scadenza fino al 31 luglio 2020, disposta dall’art. 103 del DL Cura Italia.

Marzia Pezzoli

Rientro dei cervelli: quando il rapporto di lavoro cessa prima dei 5 anni
12/05/2020

il trattamento del TFR

Il legislatore italiano ha, da tempo, focalizzato la propria attenzione nell’incentivare il rientro e/o l’ingresso nel territorio dello Stato di lavoratori con specifici requisiti. In ordine a ciò, di rilevante apertura è stato il disposto normativo introdotto dalla Legge 30 dicembre 2010, n. 238. E’ infatti previsto che, per i soli cittadini dell’Unione Europea in possesso di un titolo di laurea e/o che hanno svolto una specializzazione post lauream per 24 mesi continuativi fuori dal territorio dello Stato, si possa optare per un regime di tassazione agevolato che faccia concorrere ad imposizione una parte limitata (20% per le lavoratrici e 30% per i lavoratori) del reddito da lavoro dipendente, del reddito di lavoro autonomo e del reddito di impresa prodotti in Italia durante l’anno in esame. Tale regime è applicabile al ricorrere di alcune condizioni:

  1. il trasferimento della residenza nel territorio dello Stato ai sensi dell’art. 2 del Tuir avvenuto entro 3 mesi dall’assunzione o dall’avvio dell’attività in Italia;
  2. Non essere stato residente in Italia per i 2 periodi di imposta precedenti il predetto trasferimento e l’impegno a mantenere la residenza assunta per almeno 5 periodi di imposta;
  3. l’attività lavorativa deve essere prestata prevalentemente nel territorio italiano;
  4. è richiesta l’iscrizione all’AIRE per coloro che intendano fare rientro in Italia;
  5. l’agevolazione ha durata complessiva di 5 esercizi.

Tali disposizioni hanno poi visto il susseguirsi di chiarimenti da parte dell’Agenzia delle Entrate, forniti per il tramite di circolari e risposte ad istanze presentate dai contribuenti, ma anche di successive modifiche normative, tra cui l’art. 10, comma 12-octies, del Dl 31 dicembre 2014, n. 192, e ancora dall’art. 16, del D.lgs. 14 settembre 2015, n. 147, modificato dall’art. 1, comma 259, della Legge 28 dicembre 2015, n. 208. Tali modifiche hanno, da un lato migliorato ancor di più la potenza attrattiva, in termini economici, del nostro territorio verso soggetti residenti esteri e dall’altra ne hanno esteso l’applicabilità alleggerendo i requisiti, temporali e non, all’ingresso. Con le ultime modifiche introdotte dall’art. 5 del Decreto Crescita 30 aprile 2019, n. 34, entrato in vigore il 30 giugno 2019, infatti, l’agevolazione si configura, ordinariamente, nella concorrenza ad imposizione del 30% dei redditi da lavoro dipendente, dei redditi a questi assimilati e dei redditi di lavoro autonomo prodotti in Italia. Le modifiche introdotte negli anni non si limitano alla quota imponibile, ma anche a requisiti quali:

  1. il trasferimento della residenza nel territorio dello Stato ai sensi dell’art. 2 del Tuir;
  2. non essere stato residente in Italia per i 2 periodi di imposta precedenti il predetto trasferimento e l’impegno a risiedere in Italia per almeno 2 periodi di imposta consecutivi;
  3. l’attività lavorativa deve essere prestata prevalentemente nel territorio italiano;
  4. non è più richiesta l’iscrizione all’Aire per i cittadini che intendono ritrasferire la residenza in Italia beneficiando della presente agevolazione purché abbiano avuto la residenza in un altro Stato ai sensi di una convenzione contro le doppie imposizioni sui redditi;
  5. durata complessiva dell’agevolazione di 5 esercizi.

Il regime di cui al comma 1, si applica anche ai redditi d’impresa prodotti dai soggetti identificati dal comma 1 o dal comma 2 che avviano un’attività d’impresa in Italia, a partire dal periodo di imposta successivo a quello in corso al 31 dicembre 2019. L’agevolazione raggiunge la sua massima espressione con concorrenza ad imposizione dei predetti redditi per il solo 10% del loro ammontare nei casi in cui il soggetto trasferisca la propria residenza in una delle seguenti regioni: Abruzzo, Molise, Campania, Puglia, Calabria, Sardegna, Sicilia. L’agevolazione è poi estendibile, con concorrenza del reddito ad imposizione per il 50%, per ulteriori 5 esercizi, al ricorrere dei presenti requisiti:

  1. ai lavoratori con almeno un figlio minorenne a carico, anche in affido preadottivo;
  2. ai lavoratori proprietari di almeno un’unità immobiliare di tipo residenziale in Italia (entro 12 mesi dal trasferimento).

Per i lavoratori con almeno 3 figli a carico, anche in affido preadottivo, i redditi prodotti negli ulteriori 5 periodi di imposta concorrono alla formazione del reddito complessivo limitatamente al 10% del loro ammontare.

La disposizione normativa ed i chiarimenti forniti dall’Agenzia delle Entrate hanno definito un chiaro quadro applicativo dell’agevolazione. Ma cosa succede alle somme percepite dal soggetto impatriato, a titolo di Tfr e relative indennità, qualora il rapporto di lavoro cessasse dopo il secondo anno, perciò superando una delle clausole di decadenza?

Il trattamento tributario del Tfr e delle relative indennità è definito dall’art. 17, comma 1, lettera a) del Tuir come uno dei redditi soggetti a tassazione separata, il cui metodo applicativo è fornito dall’art. 19, comma 1, del medesimo codice. Ad avviso di chi scrive, potrebbe risultare disincentivate ed irragionevole la disapplicazione della disposizione agevolativa di cui in oggetto ai redditi da TFR e indennità, anche poiché tali redditi, come affermato dalla Cassazione nella sentenza 1138 del 19 gennaio 2009, sono da ritenersi un “diritto di credito, a pagamento differito, di natura sostanzialmente retributiva”. Tale diritto di credito si caratterizza per maturare anno per anno in parallelo alla retribuzione dovuta per il lavoro prestato. Tutto quanto detto potrebbe trovare ulteriore conferma con l’analisi del secondo paragrafo dell’art. 17, comma 3, del Tuir, secondo cui:

“Per i redditi indicati alle lettere a) (trattamento di fine rapporto di cui all’articolo 2120 del codice civile e indennità equipollenti, comunque denominate, commisurate alla durata dei rapporti di lavoro dipendente … altre indennità e somme percepite una volta tanto in dipendenza della cessazione dei predetti rapporti, comprese l’indennità di preavviso, le somme risultanti dalla capitalizzazione di pensioni e quelle attribuite a fronte dell’obbligo di non concorrenza ai sensi dell’articolo 2125 del codice civile …), b), c) e c bis) del comma 1 gli uffici provvedono a iscrivere a ruolo le maggiori imposte dovute con le modalità stabilite negli articoli 17 e 18 [19 e 21] ovvero facendo concorrere i redditi stessi alla formazione del reddito complessivo dell’anno in cui sono percepiti, se ciò risulta più favorevole per il contribuente.”

Pertanto, l’ufficio dovrebbe fa concorrere le somme percepite a titolo di TFR e relative indennità al reddito complessivo da lavoro dipendente, con applicazione del disposto normativo ex art. 16, comma 1, D. Lgs. 147 del 2015, e successive modificazioni, qualora ciò risultasse più conveniente per il contribuente.

Edoardo Mazzucotelli

Prorogata la validità del DURC
06/05/2020

Scadenza fissata a 90 giorni dal termine dello stato di emergenza

La legge di conversione del Decreto Legge “Cura Italia” ha ulteriormente prorogato la validità dei DURC, stabilendo che tali certificati, in scadenza tra il 31 gennaio 2020 e il 31 luglio 2020, conservano la loro validità per novanta giorni successivi alla dichiarazione di cessazione dello stato di emergenza, ad oggi fissata al 31 luglio 2020.

Fulvio Balestra

Rimborso delle spese per acquisto DPI (dispositivi di protezione individuale)
04/05/2020

Pubblicato il Bando Invitalia

Pubblicato sul sito di Invitalia il bando ove vengono definiti i criteri e le modalità di riconoscimento alle imprese del rimborso delle spese sostenute per l’acquisto di dispositivi di protezione individuale (DPI). In allegato il Bando in cui trovare tutte le informazioni circa le spese rimborsabili e i termini per la presentazione della richiesta.

Fulvio Balestra

Manuale operativo sull’adozione di misure organizzative, di prevenzione e di protezione per il contenimento del contagio da Sars-Cov-2 nel luogo di lavoro
01/05/2020

Lo Studio Mazzucotelli e la Full Accounting S.r.l. mettono a disposizione il proprio “Manuale operativo sull’adozione di misure organizzative, di prevenzione e di protezione per il contenimento del contagio da Sars – Cov -2 nel luogo di lavoro” redatto sulla base della normativa vigente e sottoposto a continuo aggiornamento in funzione delle modifiche normative che seguiranno. Il documento individua le misure di prevenzione adottate dallo Studio, oltre alle regole ed i comportamenti da osservare per lo svolgimento in sicurezza dell’attività lavorativa e dell’accesso in Studio.

Elia Mazzucotelli

Fase 2: vendite giudiziarie
29/04/2020

Il Tribunale di Bergamo rende disponibile il nuovo formato dell’ordinanza di vendita per le procedure esecutive

E’ disponibile sul sito del Tribunale di Bergamo il verbale della riunione tenutasi in data 23 aprile 2020 tra i giudici della Seconda sezione civile, procedure concorsuali e esecuzioni forzate, che modifica lo standard di ordinanza di vendita e dispone in merito allo svolgimento delle vendite giudiziarie una volta iniziata la Fase 2 dell’emergenza epidemiologica da COVID-19. I nuovi esperimenti di vendita potranno essere fissati appena si aprirà la c.d. Fase 2 e le prescrizioni sanitarie imposte consentiranno ai custodi di far visionare gli immobili in vendita.

Fulvio Balestra

Riunione di giovedì 27 febbraio 2020
27/02/2020

Nell’allegato proposto sono riportati gli argomenti rilevanti individuati sui quotidiani specializzati.

Chiara Gambirasio

Riunione di mercoledì 26 febbraio 2020
27/02/2020

Nell’allegato proposto sono riportati gli argomenti rilevanti individuati sui quotidiani specializzati.

Chiara Gambirasio

Riunione di martedì 25 febbraio 2020
25/02/2020

Nell’allegato proposto sono riportati gli argomenti rilevanti individuati sui quotidiani specializzati.

Chiara Gambirasio

Riunione di lunedì 17 febbraio 2020
17/02/2020

Nell’allegato proposto sono riportati gli argomenti rilevanti individuati sui quotidiani specializzati.

Chiara Gambirasio

Riunione di venerdì 14 febbraio 2020
17/02/2020

Nell’allegato proposto sono riportati gli argomenti rilevanti individuati sui quotidiani specializzati.

Chiara Gambirasio

Riunione di giovedì 13 febbraio 2020
17/02/2020

Nell’allegato proposto sono riportati gli argomenti rilevanti individuati sui quotidiani specializzati.

Chiara Gambirasio

Riunione di lunedì 12 febbraio 2020
12/02/2020

Nell’allegato proposto sono riportati gli argomenti rilevanti individuati sui quotidiani specializzati.

Chiara Gambirasio

Riunione di martedì 11 febbraio 2020
12/02/2020

Nell’allegato proposti sono riportati gli argomenti rilevanti individuati sui quotidiani.

Chiara Gambirasio

Riunione di sabato 8 febbraio 2020
10/02/2020

Nell’allegato proposto sono riportati gli argomenti rilevanti individuati sui quotidiani specializzati.

Chiara Gambirasio

Riunione di lunedì 10 febbraio 2020
10/02/2020

Nell’allegato proposto sono riportati gli argomenti rilevanti individuati sui quotidiani specializzati.

Chiara Gambirasio

Riunione di venerdì 7 febbraio 2020
07/02/2020

Nell’allegato proposto sono riportati gli argomenti rilevanti individuati sui quotidiani specializzati.

Chiara Gambirasio

Riunione di giovedì 6 febbraio 2020
06/02/2020

Nell’allegato proposto sono riportati gli argomenti rilevanti individuati sui quotidiani specializzati.

Chiara Gambirasio

Riunione di mercoledì 5 febbraio 2020
05/02/2020

Nell’allegato proposto sono riportati gli argomenti rilevanti individuati sui quotidiani specializzati.

Chiara Gambirasio

Riunione di lunedì 3 febbraio 2020
03/02/2020

Nell’allegato proposto sono riportati gli argomenti rilevanti individuati sui quotidiani specializzati.

Chiara Gambirasio

Riunione di sabato 1 febbraio 2020
03/02/2020

Nell’allegato proposto sono riportati gli argomenti rilevanti individuati sui quotidiani specializzati.

Chiara Gambirasio

Riunione di venerdì 31 gennaio 2020
31/01/2020

Nell’allegato proposto sono riportati gli argomenti rilevanti individuati sui quotidiani specializzati.

Chiara Gambirasio

Riunione di giovedì 30 gennaio 2020
31/01/2020

Nell’allegato proposto sono riportati gli argomenti rilevanti individuati sui quotidiani specializzati.

Chiara Gambirasio

Riunione di mercoledì 29 gennaio 2020
29/01/2020

Nell’allegato proposto sono riportati gli argomenti rilevanti individuati sui quotidiani specializzati.

Chiara Gambirasio

Riunione di martedì 28 gennaio 2020
28/01/2020

Nell’allegato proposto sono riportati gli argomenti rilevanti individuati sui quotidiani specializzati.

Chiara Gambirasio

Riunione di lunedì 27 gennaio 2020
27/01/2020

Nell’allegato proposto sono riportati gli argomenti rilevanti individuati sui quotidiani specializzati.

Chiara Gambirasio

Riunione di venerdì 24 gennaio 2020
24/01/2020

NEll’allegato proposto sono riportati gli argomenti rilevanti individuati sui quotidiani specializzati.

Chiara Gambirasio

Riunione di giovedì 23 gennaio 2020
24/01/2020

Nell’allegato proposto sono riportati gli argomenti rilevanti individuati sui quotidiani specializzati.

Chiara Gambirasio

Riunione di mercoledì 22 gennaio 2020
22/01/2020

Nell’allegato proposto sono riportati gli argomenti rilevanti individuati sui quotidiani specializzati.

Chiara Gambirasio

Riunione di martedì 21 gennaio 2020
22/01/2020

Nell’allegato proposto sono riportati gli argomenti rilevanti individuati sui quotidiani specializzati.

Chiara Gambirasio

Riunione di lunedì 20 gennaio 2020
20/01/2020

Nell’allegato proposto sono riportati gli argomenti rilevanti individuati sui quotidiani specializzati.

Chiara Gambirasio

Riunione di sabato 18 gennaio 2020
18/01/2020

Nell’allegato proposto sono riportati gli argomenti rilevanti individuati sui quotidiani specializzati.

Chiara Gambirasio

Riunione di venerdì 17 gennaio 2020
17/01/2020

Nell’allegato proposto sono riportati gli argomenti rilevanti individuati nei quotidiani specializzati.

Chiara Gambirasio

Riunione di giovedì 16 gennaio 2020
16/01/2020

Nell’allegato proposto sono riportati gli argomenti rilevanti individuati sui quotidiani specializzati.

Chiara Gambirasio

Riunione di mercoledì 15 gennaio 2020
15/01/2020

Nell’allegato proposto sono riportati gli argomenti rilevanti individuati sui quotidiani specializzati.

Chiara Gambirasio

Riunione di martedì 14 gennaio 2020
14/01/2020

Nell’allegato proposto sono riportati gli argomenti rilevanti individuati sui quotidiani specializzati.

Chiara Gambirasio

Riunione di lunedì 13 gennaio 2020
13/01/2020

Nell’allegato proposto sono riportati gli argomenti rilevanti individuati sui quotidiani specializzati.

Chiara Gambirasio

Riunione di venerdì 10 gennaio 2020
10/01/2020

Nell’allegato proposto sono riportati gli argomenti rilevanti individuati sui quotidiani specializzati.

Chiara Gambirasio

Riunione di giovedì 9 gennaio 2020
09/01/2020

Nell’allegato proposto sono riportati gli argomenti rilevanti individuati sui quotidiani specializzati.

Chiara Gambirasio

Riunione di martedì 7 gennaio 2020
08/01/2020

Nell’allegato proposto sono riportati gli argomenti rilevanti individuati sui quotidiani specializzati.

Chiara Gambirasio

Riunione di giovedì 2 gennaio 2020
02/01/2020

Nell’allegato proposto sono riportati gli argomenti rilevanti individuati sui quotidiani specializzati.

Chiara Gambirasio

Riunione di martedì 31 dicembre 2019
02/01/2020

Nell’allegato proposto sono riportati gli argomenti rilevanti individuati sui quotidiani specializzati.

Chiara Gambirasio

Riunione di lunedì 30 dicembre 2019
30/12/2019

Nell’allegato proposto sono riportati gli argomenti rilevanti individuati sui quotidiani specializzati.

Chiara Gambirasio

Riunione di martedì 24 dicembre 2019
27/12/2019

Nell’ allegato proposto sono riportati gli argomenti rilevanti individuati sui quotidiani specializzati.

Chiara Gambirasio

Riunione di venerdì 27 dicembre 2019
27/12/2019

Nell’allegato proposto sono riportati gli argomenti rilevanti individuati sui quotidiani specializzati.

Chiara Gambirasio

Riunione di venerdì 20 dicembre 2019
23/12/2019

Nell’allegato proposto sono riportati gli argomenti rilevanti individuati sui quotidiani specializzati.

Chiara Gambirasio

Riunione di sabato 21 dicembre 2019
23/12/2019

Nell’allegato proposto sono riportati gli argomenti rilevanti individuati sui quotidiani specializzati.

Chiara Gambirasio

Riunione di lunedì 23 dicembre 2019
23/12/2019

Nell’allegato proposto sono riportati gli argomenti rilevanti individuati sui quotidiani specializzati.

Chiara Gambirasio

Riunione di giovedì 19 dicembre 2019
19/12/2019

Nell’allegato proposto sono riportati gli argomenti individuati nei quotidiani specializzati.

Chiara Gambirasio

Riunione di mercoledì 18 dicembre 2019
18/12/2019

Nell’allegato proposto sono riportati gli argomenti rilevanti relativi ai quotidiani specializzati.

Chiara Gambirasio

Riunione di martedì 17 dicembre 2019
17/12/2019

Nell’allegato proposto sono riportati gli argomenti rilevanti individuati sui quotidiani specializzati.

Chiara Gambirasio

Riunione di lunedì 16 dicembre 2019
16/12/2019

Nell’allegato proposto sono riportati gli argomenti rilevanti individuati sui quotidiani specializzati.

Chiara Gambirasio

Riunione di venerdì 13 dicembre
13/12/2019

Nell’allegato proposto sono riportati gli argomenti rilevanti individuati sui quotidiani specializzati.

Chiara Gambirasio

Riunione di mercoledì 11 dicembre 2019
11/12/2019

Nell’allegato proposto sono riportati gli argomenti rilevanti individuati sui quotidiani specializzati.

Chiara Gambirasio

Riunione di martedì 10 dicembre 2019
10/12/2019

Nell’allegato proposto sono riportati gli argomenti rilevanti individuati sui quotidiani specializzati.

Chiara Gambirasio

Riunione di lunedì 9 dicembre 2019
09/12/2019

Nell’allegato proposto sono riportati gli argomenti rilevanti individuati sui quotidiani specializzati.

Chiara Gambirasio

Riunione di sabato 7 dicembre 2019
09/12/2019

Nell’allegato proposto sono riportati gli argomenti rilevanti individuati sui quotidiani specializzati.

Chiara Gambirasio

Riunione di venerdì 6 dicembre 2019
06/12/2019

Nell’allegato proposto sono riportati gli argomenti rilevanti individuati sui quotidiani specializzati.

Chiara Gambirasio

Riunione di giovedì 5 dicembre 2019
05/12/2019

Nell’allegato proposto sono riportati gli argomenti rilevanti individuati sui quotidiani specializzati.

Chiara Gambirasio

Riunione di mercoledì 4 dicembre 2019
05/12/2019

Nell’allegato proposto sono riportati gli argomenti rilevanti individuati sui quotidiani specializzati.

Chiara Gambirasio

Riunione di martedì 3 dicembre 2019
03/12/2019

Nell’allegato proposto sono riportati gli argomenti rilevanti individuati sui quotidiani specializzati.

Chiara Gambirasio

Riunione di lunedì 2 dicembre 2019
02/12/2019

Nell’allegato proposto sono riportati gli argomenti rilevanti individuati sui quotidiani specializzati.

Chiara Gambirasio

Riunione di venerdì 29 novembre 2019
29/11/2019

Nell’allegato proposto sono riportati gli argomenti rilevanti individuati sui quotidiani specializzati.

Chiara Gambirasio

Riunione di giovedì 28 novembre 2019
28/11/2019

Nell’allegato proposto sono riportati gli argomenti rilevanti individuati sui quotidiani specializzati.

Chiara Gambirasio

Riunione di mercoledì 27 novembre 2019
27/11/2019

Nell’allegato proposto sono riportati gli argomenti rilevanti individuati sui quotidiani specializzati.

Chiara Gambirasio

Riunione di martedì 26 novembre 2019
26/11/2019

Nell’allegato proposto sono riportati gli argomenti rilevanti individuati sui quotidiani specializzati.

Chiara Gambirasio

Regime speciale per lavoratori impatriati e AIRE
26/11/2019

L’Agenzia delle Entrate, con le risposte ad interpello n. 495 e 497 ha precisato la propria interpretazione circa la rilevanza dell’iscrizione all’AIRE per i soggetti che rientrano in Italia e intendono beneficiare del c.d. “regime impatriati”. Si ricorda che, ai sensi nuovo comma 5-ter dell’art. 16, D. Lgs. 147/2015, introdotto dal DL 34/2019, i cittadini italiani non iscritti all’AIRE possono accedere ai benefici fiscali in argomento purché abbiano avuto la residenza in un altro stato estero ai sensi di una convenzione contro le doppie imposizioni. Con riferimento alla modifica normativa descritta, che ha di fatto eliminato la presunzione automatica di residenza in Italia per i soggetti non iscritti all’AIRE, l’Agenzia ha specificato che: “la ratio di tale norma è volta a valorizzare, per i soggetti che non risultano iscritti all’AIRE, la possibilità di comprovare il periodo di residenza all’estero sulla base delle Convenzioni contro le doppie imposizioni.”
Si tratta di una posizione molto rilevante da parte dell’Amministrazione finanziaria, che sposta ulteriormente il concetto di determinazione della residenza fiscale su un piano maggiormente sostanziale e in linea con l’art. 4 del Modello OCSE. Grazie alla modifica normativa citata e alla presa di posizione dell’Agenzia delle Entrate, il regime di favore potrà applicarsi, senza più dubbi, a un maggior numero di casi: tra i tanti, si pensi ai molti studenti italiani che, pur avendo conseguito master biennali all’estero, non potevano usufruire del beneficio fiscale perché non iscritti all’AIRE.

Fulvio Balestra

Riunione di lunedì 25 novembre 2019
25/11/2019

Nell’allegato proposto sono riportati gli argomenti rilevanti individuati sui quotidiani specializzati.

Chiara Gambirasio

Riunione di sabato 23 novembre 2019
23/11/2019

Nell’allegato proposto sono riportati gli argomenti rilevanti individuati sui quotidiani specializzati.

Chiara Gambirasio

Riunione di venerdì 22 novembre 2019
22/11/2019

Nell’allegato proposto sono riportati gli argomenti rilevanti individuati sui quotidiani specializzati.

Chiara Gambirasio

Riunione di giovedì 21 novembre 2019
21/11/2019

Nell’allegato proposto sono riportati gli argomenti rilevanti individuati sui quotidiani specializzati.

Chiara Gambirasio

Riunione di mercoledì 20 novembre 2019
20/11/2019

Nell’allegato proposto sono riportati gli argomenti rilevanti individuati sui quotidiani specializzati.

Chiara Gambirasio

Riunione di martedì 19 novembre 2019
19/11/2019

Nell’allegato proposto sono riportati gli argomenti rilevanti individuati sui quotidiani specializzati.

Chiara Gambirasio

Riunione di lunedì 18 novembre 2019
18/11/2019

Nell’allegato proposto sono riportati gli argomenti rilevanti individuati sui quotidiani specializzati.

Chiara Gambirasio

Riunione di mercoledì 20 novembre 2019
15/11/2019

Nell’allegato proposto sono riportati gli argomenti rilevanti individuati sui quotidiani specializzati.

Chiara Gambirasio

Riunione di giovedì 14 novembre 2019
14/11/2019

Nell’allegato proposto sono riportati gli argomenti rilevanti individuati sui quotidiani specializzati.

Chiara Gambirasio

Riunione di mercoledì 13 novembre 2019
13/11/2019

Nell’allegato proposto sono riportati gli argomenti rilevanti individuati sui quotidiani specializzati.

Chiara Gambirasio

Riunione di martedì 12 novembre 2019
12/11/2019

Nell’allegato proposto sono riportati gli argomenti rilevanti individuati sui quotidiani specializzati.

Chiara Gambirasio

Riunione di lunedì 11 novembre 2019
11/11/2019

Nell’allegato proposto sono riportati gli argomenti rilevanti individuati sui quotidiani specializzati.

Chiara Gambirasio

Riunione di sabato 9 novembre 2019
09/11/2019

Nell’allegato proposto sono riportati gli argomenti rilevanti individuati sui quotidiani specializzati.

Chiara Gambirasio

Riunione di venerdì 8 novembre 2019
08/11/2019

Nell’allegato proposto sono riportati gli argomenti rilevanti individuati sui quotidiani specializzati

Chiara Gambirasio

Riunione di giovedì 7 novembre 2019
07/11/2019

Nell’allegato proposto sono riportati gli argomenti rilevanti individuati sui quotidiani specializzati.

Chiara Gambirasio

Riunione di mercoledì 6 novembre 2019
06/11/2019

Nell’allegato proposto sono riportati gli argomenti rilevanti individuati sui quotidiani specializzati.

Chiara Gambirasio

Riunione di martedì 5 ottobre 2019
05/11/2019

Nell’allegato proposto sono riportati gli argomenti rilevanti individuati sui quotidiani specializzati.

Chiara Gambirasio

Riunione di giovedì 31 ottobre 2019
31/10/2019

Nell’allegato proposto sono riportati gli argomenti rilevanti individuati sui quotidiani specializzati.

Cristina Salvi

Riunione di mercoledì 30 ottobre 2019
30/10/2019

Nell’allegato proposto sono riportati gli argomenti rilevanti individuati sui quotidiani specializzati.

Cristina Salvi

Riunione di martedì 29 ottobre 2019
29/10/2019

Nell’allegato proposto sono riportati gli argomenti rilevanti individuati sui quotidiani specializzati.

Cristina Salvi

Riunione di lunedì 28 ottobre 2019
28/10/2019

Nell’allegato proposto sono riportati gli argomenti rilevanti individuati sui quotidiani specializzati.

Cristina Salvi

Riunione di sabato 26 ottobre 2019
28/10/2019

Nell’allegato proposto sono riportati gli argomenti rilevanti individuati sui quotidiani specializzati.

Cristina Salvi

Riunione di venerdì 25 ottobre 2019
25/10/2019

Nell’allegato proposto sono riportati gli argomenti rilevanti individuati sui quotidiani specializzati.

Cristina Salvi

Riunione di giovedì 24 ottobre 2019
24/10/2019

Nell’allegato proposto sono riportati gli argomenti rilevanti individuati sui quotidiani specializzati.

Cristina Salvi

Riunione di mercoledì 23 ottobre 2019
23/10/2019

Nell’allegato proposto sono riportati gli argomenti rilevanti individuati sui quotidiani specializzati.

Cristina Salvi

Riunione di martedì 22 ottobre 2019
22/10/2019

Nell’allegato proposto sono riportati gli argomenti rilevanti individuati sui quotidiani specializzati.

Cristina Salvi

Riunione di lunedì 21 ottobre 2019
21/10/2019

Nell’allegato proposto sono riportati gli argomenti rilevanti individuati sui quotidiani specializzati.

Cristina Salvi

Riunione di sabato 19 ottobre 2019
19/10/2019

Nell’allegato proposto sono riportati gli argomenti rilevanti individuati sui quotidiani specializzati.

Cristina Salvi

Riunione di venerdì 18 ottobre 2019
18/10/2019

Nell’allegato proposto sono riportati gli argomenti rilevanti individuati sui quotidiani specializzati.

Cristina Salvi

Riunione di giovedì 17 ottobre 2019
17/10/2019

Nell’allegato proposto sono riportati gli argomenti rilevanti individuati sui quotidiani specializzati.

Cristina Salvi

Riunione di mercoledì 16 ottobre 2019
16/10/2019

Nell’allegato proposto sono riportati gli argomenti rilevanti individuati sui quotidiani specializzati.

Cristina Salvi

Riunione di martedì 15 ottobre 2019
15/10/2019

Nell’allegato proposto sono riportati gli argomenti rilevanti individuati sui quotidiani specializzati.

Cristina Salvi

Riunione di lunedì 14 ottobre 2019
14/10/2019

Nell’allegato proposto sono riportati gli argomenti rilevanti individuati sui quotidiani specializzati.

Cristina Salvi

Riunione di sabato 12 ottobre 2019
12/10/2019

Nell’allegato proposto sono riportati gli argomenti rilevanti individuati sui quotidiani specializzati.

Cristina Salvi

Singapore ed il Sud-Est Asiatico: perché guardare ad uno dei più grandi mercati del mondo
12/10/2019

Studio Mazzucotelli - Immagine articolo

Lunedì 7 ottobre 2019, al #KilometroRosso di Bergamo, si è svolto l’incontro titolato: “Singapore ed il Sud-Est Asiatico: perché guardare ad uno dei più grandi mercati del mondo”. Rivolto alle imprese ed ai professionisti del territorio bergamasco e non solo, l’incontro è stato un’interessante occasione per mostrare come Singapore possa essere l’hub logistico e societario più adeguato da cui penetrare il mercato del Sud-Est Asiatico; un mercato molto vasto, insidioso se affrontato senza un supporto specialistico. Oltre agli speaker di #FidinamGroup, il Dott. Alessandro Pedrinoni e la Dott.ssa Raffaella Piccoli e dello #StudioMazzucotelli, l’avvenimento ha visto la presenza del Dott. Alberto Martinelli, presidente di #ICCS e del Dott. Luca Pandolfi, responsabile i